Archive for the ‘Comunicazione’ Category

Mater semper certa

lunedì, giugno 1st, 2015

Non mi pare di violare nessuna clausola di anonimato o riservatezza pubblicando un piccolo lacerto da un questionario che ho somministrato qualche tempo fa.

La domanda (spiegata ai rispondenti) era: quanti figli hai?

questionario compilato con qualche incertezza

C’era una volta la mater semper certa. E il maschio con qualche peccatuccio in giro.

Oltre alle cancellazioni, mi colpisce che la compilatrice abbia ridisegnato le caselle sbiancate e pure riscritto il testo parzialmente ricoperto.

Dalla parte dei studenti

giovedì, marzo 26th, 2015

…CHI AMA L’ITAGLIANO

RICONOSCE I SUOI SIMILI…

Volantino pubblicitario di un menù pensato per "i studenti" con l'articolo i

I studenti

La lingua che cambia in un mondo che cambia

giovedì, dicembre 11th, 2014

Un amico mi racconta che a lezione di Excel una studentessa lo chiama e gli dice come mai la cella le si è riempita di hashtag.

Di hashtag?

Di hashtag.

Non di cancelletti, di gratelle, come dicevamo a Pisa, di diesis, come diceva quel mio amico che studiava a Brescia.

No, di hashtag.

#############################

Foto di Nike di Samotracia, Museo del Louvre, immagine di pubblco dominioSono di una generazione che giocava in cortile, le scarpe da ginnastica erano di due tipi, quelle blu e quelle bianche, non stava bene metterle a scuola, però in gita sì e ci si andava una volta all’anno con il curato dell’oratorio, a Bacedasco Terme (ma si diceva solo Bacedasco, perché allora le terme erano da vecchi e sfigati). Un bel giorno abbiamo scoperto che c’erano scarpe da ginnastica che si chiamavano Nike (pronuncia niche) come la Nike di Samotracia.

Verso la fine del millennio ho cominciato a insegnare, era un po’ che non vedevo ragazzi, ho scoperto che erano cresciuti con il Gameboy, venivano a lezione con le sneackers, facevano l’ultimo dell’anno in un albergo con spa, al liceo erano stati in gita a Praga, Barcellona e Parigi, dove avevano visto una statua che si chiamava come le loro scarpe, la Nike di Samotracia (pronuncia naichi di Samotracia).

D’altra parte, ho scritto nike in Google immagini, ho trovato la Nike che dico io all’incirca in cinquecentesima posizione. Immagino che i miei studenti di oggi mi percepiscano più o meno come suo coetaneo. Solo un piccolo errore di parallasse.

Vuoi ricostruire o sì?

venerdì, luglio 25th, 2014

Ho riscoperto un’immagine che mi ero salvato tempo fa su un Mac: “Per ottenere il massimo delle prestazioni da iPhoto 6, ricostruisci la cache delle miniature” – con opzioni “Ricostruisci adesso” e “OK”.

Ora, se “Ricostruisci adesso” fa ricostruire, OK che ci sta a fare? Come quando uno ti dice “Dovresti fare così” e tu rispondi “OK, OK” e vai avanti a fare quello che stavi facendo prima.

[molti programmi, in simili circostanze, propongono l’alternativa “Lo faccio più tardi”, “Ricordamelo più tardi”, “Lasciami in pace”]

Finestra di interazione di iPhone 6 (poco chiara)

Quando copiano i professori

giovedì, luglio 3rd, 2014

Oggi qualcuno è arrivato nel mio sito da Yahoo! cercando:
tesine per i pas LA COMUNICAZIONE DIDATTICA

Ovvero: aspirante professore in cerca di abilitazione vuole copiare la tesi finale.
O no? Solo per ispirarsi?
(e che cos’è più preoccupante, che voglia copiare la tesi o che usi Yahoo per le ricerche?)