Know-how, know-out, knock out

novembre 21st, 2014

Al termine della correzione di un compitino di Didattica che a tratti mi pareva come l’estate dei Negramaro – che potesse non finire mai (e per una volta sarò stato del tutto consonante con i miei studenti), mi vien da pensare che, tra le tante definizioni che ho dato, devo aver scordato (dato per scontato) quella di know-how.

Perché, forse, se l’avessi definito per bene non avrei trovato tanti errori ortografici.

Compito a casa: scrivere dieci volte know-how e cercarne una bella definizione.

Per quanto riguarda gli errori, un classico è know-out: è diffusissimo, lo si sente dire a ogni angolo di strada e se uno gugola un po’ lo trova anche in sussiegosi siti aziendali. Siamo in buona compagnia.

Mi ha sorpreso un po’ “LA know-how“. Ci sono diatribe interminabili sul sesso dei termini inglesi emigrati in Italia, mi colpisce che un asset aziendale così macho come il know-how si tinga di rosa arrivando da noi. Ma, visto che abbiamo studiato LA conoscenza, LA capacità, LA competenza, ecco anche LA know-how (in contrapposizione all’ormai celebre “GLI abiri”, plurale di “L’abiro”).

Ho trovato interessante il know-now, che mi pare in linea con la mia insistenza sulla didattica situata: che cosa di più situato di un sapere hic et nunc?

A mettermi knock out è stata un’occorrenza di count how. Questa non so davvero come  contarla, se tra gli errori di ortografia o di senso. E però, a conti fatti, il compitino è andato mica male (spero nella consonanza).

 

know-how

foo foo foo foo foo

Piccolo cammino di Santiago padano

settembre 9th, 2014

Freccia del cammino di Santiago - flechaDa domenica 14 settembre 2014 riprendono, dalle 14.00 alle 18.00, le aperture domenicali del Bosco didattico e dell’ecomuseo di cascina Stella a Castelleone (Cremona).

Per l’occasione, la Provincia di Cremona in collaborazione con il Gruppo FAI di Crema organizza una breve escursione al poco distante oratorio di San Giacomo, antico luogo di sosta dei pellegrini in viaggio verso Roma, Gerusalemme o Santiago di Compostella, con racconti e spiegazioni sul luogo, a cura di Valerio Ferrari.

Per orari di ritrovo e modalità di visita scaricare la locandina e un breve testo introduttivo.

Per aggiornamenti sulle visite all’ecomuseo si può tenere d’occhio la pagina delle attività.

Vuoi ricostruire o sì?

luglio 25th, 2014

Ho riscoperto un’immagine che mi ero salvato tempo fa su un Mac: “Per ottenere il massimo delle prestazioni da iPhoto 6, ricostruisci la cache delle miniature” – con opzioni “Ricostruisci adesso” e “OK”.

Ora, se “Ricostruisci adesso” fa ricostruire, OK che ci sta a fare? Come quando uno ti dice “Dovresti fare così” e tu rispondi “OK, OK” e vai avanti a fare quello che stavi facendo prima.

[molti programmi, in simili circostanze, propongono l’alternativa “Lo faccio più tardi”, “Ricordamelo più tardi”, “Lasciami in pace”]

Finestra di interazione di iPhone 6 (poco chiara)

Quando copiano i professori

luglio 3rd, 2014

Oggi qualcuno è arrivato nel mio sito da Yahoo! cercando:
tesine per i pas LA COMUNICAZIONE DIDATTICA

Ovvero: aspirante professore in cerca di abilitazione vuole copiare la tesi finale.
O no? Solo per ispirarsi?
(e che cos’è più preoccupante, che voglia copiare la tesi o che usi Yahoo per le ricerche?)

Se vuoi annullare, dove annulli?

gennaio 29th, 2014

Non bastasse il fatto che stampante e scanner non vanno, ecco la beffa del pulsante Annulla che non esiste. Stampante EPSON Stylus DX4000.

 

Finestra di diaologo Epson Stylus DX4000: parla del pulante Annulla, che non c'è

Chi valuta i valutatori?

gennaio 7th, 2014

La valutazione della ricerca delle università attinge alla banca dati del ministero, nella quale tutti i docenti e ricercatori sono tenuti a inserire i dati bibliografici relativi alle proprie pubblicazioni.
Tra i campi da compilare per ogni nuova opera inserita c’è, obbligatorio, l’anno di pubblicazione.
Il programma, però, non concepisce che un autore indichi una data futura: se hai pubblicato quest’anno o nel passato, tutto bene; se già sai che una tua pubblicazione uscirà l’anno prossimo (non è un caso così raro: a me è successo per il 2014, 2013, 2012, 2010, 2009, …), allora no, non lo puoi scrivere (è previsto un campo testo), devi mettere il segno di spunta sulla casella “in press” (in inglese) e poi l’anno prossimo tornerai a ricompilare, sostituendo l’in press con l’anno giusto (si sa mai che l’editore cambi idea).

Schermata dal sito del MIUR per la gestione delle bibliografie dei docenti e ricercatori

Tutto questo per dire che siamo nel 2014 e dunque aspetto che da un momento all’altro arrivino dalla McGraw-Hill le copie della seconda edizione di Informatica umanistica! Per ingannare l’attesa sono andato a togliere il segno di spunta dal sito del ministero.

Copertina della seconda edizione di Informatica umanistica, di Marco Lazzari, edito da McGraw-Hill nel 2014

Senza Fine, con il Nokia

dicembre 31st, 2013

…e non è solo l’interfaccia del Kindle a crearmi problemi: la procedura guidata per connettere un cellulare Nokia al PC dice di fare clic su Avanti, ma non c’è alcun pulsante con l’etichetta Avanti, si deve supporre che l’icona con la freccia verso destra svolga la stesa funzione.

Schermata della procedura di connessione di cellulari Nokia a PC, con freccia al posto del pulsante Avanti

E alla fine, scegliere Fine. Però Fine non c’è, si deve usare l’icona con il segno di spunta.

Schermata della procedura di connessione di cellulari Nokia al PC, con segno di spunta al posto del pulsante Fine